Pecora pensierosa.

ottobre 28, 2009

domandeLo so che è una pecora di terracotta coi boccoli e per di più senza occhi, ma secondo me ha ugualmente l’espressione di chi ha la testa piena di domande o di chi comincia a capire le risposte…

Conferme.

ottobre 18, 2009

_DSC3551trio

La differenza tra un “grande” e un “veramente grande”, sta nel fatto che il “Veramente Grande” non si smentisce e non ti delude.
Mai.
Grazie di nuovo.

( la foto è di Lucia http://www.coolpicts.org/)

fabbrica_1

Non se ne abbia a male Gesùbambino ma quest’aria natalizia  freddissima che ci ha invaso all’improvviso mi sembra del tutto fuori luogo e volevo dire ad Ascanio, casomai decidesse di passare in laboratorio, di mettersi una sciarpetta… perchè ha veramente rinfrescato… ma se non dovesse farcela…  non importa… ci vediamo stasera alla Vetreria alle 21,00.

Promesso.

…fran…

ottobre 14, 2009

quadri2“A me m’ha sempre colpito questa faccenda dei quadri. Stanno su per anni, poi senza che accada nulla, ma nulla dico, fran, giù, cadono. Stanno lì attaccati al chiodo, nessuno gli fa niente, ma loro a un certo punto, fran, cadono giù, come sassi. Nel silenzio più assoluto, con tutto immobile intorno, non una mosca che vola, e loro, fran. Non c’è una ragione. Perché proprio in quell’istante? Non si sa. Fran. Cos’è che succede a un chiodo per farlo decidere che non ne può più? C’ha un’anima, anche lui, poveretto? Prende delle decisioni? Ne ha discusso a lungo col quadro, erano incerti sul da farsi, ne parlavano tutte le sere, da anni, poi hanno deciso una data, un’ora, un minuto, un istante, è quello, fran. […] È una di quelle cose che è meglio che non ci pensi, se no ci esci matto. Quando cade un quadro. Quando ti svegli un mattino, e non la ami più. Quando apri il giornale e leggi che è scoppiata la guerra. Quando vedi un treno e pensi io devo andarmene da qui. Quando ti guardi allo specchio e ti accorgi che sei vecchio….”
(Alessandro Baricco, NOVECENTO, Feltrinelli)

C’è stato un periodo della mia vita in cui ho amato moltissimo Baricco.
Poi l’amore è finito.
Perché a volte gli amori finiscono.
Altre no… e non so cosa sia peggio…
E in quel periodo, (è durato un’estate, ma un’estate sarda…) il mio amore era talmente grande che mi alzavo all’alba per andar al mare e leggere almeno un’ora prima che il sole si facesse valere. sul mio scoglio preferito. parole bellissime, strazianti, dolorose, appassionate, perfette…
E poi l’amore è finito.
Riconosco ancora la bellezza, lo strazio,il dolore, la passione e la perfezione di quelle parole ma l’amore è finito.
E tra tutte quelle parole, quelle sopra riportate costituiscono una costante della mia vita e di quella di un sacco di persone che mi stanno vicine:
fran… licenziato;
fran… ti sto lasciando;
fran… è morta;
fran…
Una notizia improvvisa, che spesso non lo è affatto, ma finché quel chiodo non cede… fran… ci illudiamo che quel quadro resterà appeso a quella parete per sempre…

… per un pelo…

ottobre 9, 2009

se solo il governo svedese avesse sentito Elio e le Storie Tese cantare l’inno a silvio (http://www.youtube.com/watch?v=zS4HeAtRieM) , a quest’ora il nobel per la pace sarebbe nostro….

ps: avevi ragione…   meraviglioso.

Alternative

ottobre 7, 2009

_DSC3525fila

Può andare a zappare… anche se riconosco sia un lavoro troppo importante, perchè se zappi male la terra, i frutti che nasceranno potrebbero risentirne…
Può fare il servo pastore e stare in aperta campagna a controllare che le pecore si comportino bene… ma ci vuole pazienza e attenzione per far si che il gregge non oltrepassi il muretto a secco mangiando l’uva della vigna del vicino o i frutti che pendono dai rami troppo carichi…
Può fare il nonno vigile… poche ore al giorno… ma se io mi fossi riprodotta non starei troppo tranquilla all’idea di certi occhi puntati su mia figlia…
Ci sono parecchi altri lavori che potrebbe o non potrebbe fare… consiglierei quindi una iscrizione all’ufficio di collocamento di arcore e poi aspettare una chiamata…
Tanto l’importante è tener presente che ogni lavoro ha una sua dignità e non vergognarsi mai di qualsiasi lavoro onesto che ti procura il pane quotidiano…
Vada come vada: buona fortuna a lui e a chi lo ha circondato finora.

avanti popolo alla riscossa………….

( la foto è di Lucia http://www.coolpicts.org/)