Pecore nere.

dicembre 7, 2008

asc

Alle 19 di ieri sera mi chiama Lucia dicendomi che c’era il rischio di non riuscire a prendere i biglietti.
uff… l’uomo della mia vita a cagliari e io non riesco a vederlo…
perché se ti ha provocato battiti cardiaci irregolari, per quel lasso di tempo è stato l’uomo della tua vita…
ore 19,15 richiama Lucia: abbiamo i biglietti!
per vedere Ascanio Celestini alle Vetrerie.
ovviamente non ho tempo per scegliere il vestito di strass, la scarpa col tacco 11 e il rossetto delle grandi occasioni, posso giusto controllare il batacchio degli angioletti, i decori degli alberelli levarmi l’argilla dalle unghie e scappare dal laboratorio.
Com’era?
Un grande.
No, non posso raccontare, anche perché un grande non si può spiegare, ma ovunque voi siate, qualora quell’uomo passasse dalle vostre parti, nord, sud, centro e isole comprese, vi consiglio di andare a vederlo e sopratutto a sentirlo… l’unico problema e che poi vi chiederete: e adesso quando lo rivedo?
Per risolvere questo problema vi consiglio di fare, la mattina dopo lo spettacolo, un mercato natalizio e a quel punto mentre voi state creando non poca invidia nei vostri amici che la sera prima non erano alle vetrerie, Ascanio Celestini si materializzerà davanti a voi che al culmine della vostra intelligenza riuscirete a farfugliare giusto qualche frase idiota; Lui sorriderà salutando e proseguirà con la sua passeggiata sotto il sole dei Bastioni in attesa dello spettacolo di stasera a San Gavino (chissà se Roberto ci va…).
a quel punto con mossa da sedicenne, potete rincorrerlo con una minuscola pecora nera di ceramica in un sacchetto (Pecora Nera è il titolo del suo spettacolo) e tornare soddisfatta dai vostri amici comunicando che per oggi potevate ritenervi talmente soddisfatta da saltare il pranzo.
magari succede che dopo unoretta Lui vi si ripresenti davanti chiedendovi se conoscete un posto dove a quest’ora a cagliari si può mangiare qualcosa…
e può capitarvi di trascorrere un bellissimo pomeriggio di fronte a un mare azzurro maestrale parlando e ridendo come io comando.

Ps: Efisio ti devo un favore.

Colonna Sonora: Parole Sante (ovviamente)

Annunci

One Response to “Pecore nere.”

  1. Says:

    😀 deduco che mi hai definitivamente perdonato anche l’andata e torrata a Gavoi-sur-le-Lac nel rovente pomeriggio d’inizio Luglio 2005, strade interrotte e maiali morti inclusi.
    W i bacherozzi!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: