Cagliari, 30 ottobre 2008.

ottobre 30, 2008

Erano proprio tanti.
anzi no, eravamo proprio tanti.
si, perché c’eravamo anche io, Ivana e Stefano.
e mentre raggiungevo il gruppo pensavo: ma io, in quale gruppo dovrei stare?
scuola dell’infanzia? si, perché in fondo in questo momento, nel mio immaginario collettivo (dite che è impossibile?) la prima scuola che compare è la scuola per l’infanzia dove ho fatto tirocinio e corsi di ceramica l’anno scorso e dove riprenderò a breve http://www.ziaanna.it.
o scuola superiore? del resto sto trascorrendo parecchio tempo a Isili http://www.ginozappa.nu.it/ con un corso di ceramica con dei ragazzi fantastici che ascoltano Guccini anziché cremonini e che mi ricordano troppo me e i miei coetanei alla loro età con gli stessi ideali politici, gli stessi amori per i quali darebbero un rene, e un “barrosimini” (cocciutaggine? ostinazione? facciatosta? ) da olimpiadi….
no, in fondo anche se mi chiamano “proffe”, in fondo ho pagato tasse universitarie anche quest’anno…
e allora? con gli studenti universitari?
o coi ceramisti in cerca di salvare sogni?
Alla fine quando gli ho raggiunti ho capito che gli unici con cui mi sarei schierata erano i manifestanti.
Andavano benissimo Maggi e Giuseppe, ma anche Dolli e Irene, se le avessi incontrate Diletta e Cinzia, e vanno benissimo Alessio e Federica, e Ivana e Stefano che era alla sua prima manifestazione e il mio vicino di casa o il vicino di casa di qualcunaltro che comunque c’era…
e c’eravamo in tantissimi.
e abbiamo camminato, cantato e saltato.
maestre, bambini, mamme, bambine, proffe, adolescenti, babbi, passeggini, docenti universitari, futuri cervelli in fuga, personale ata, nonni e nonne e chi più ne ha più ne metta.
Con un unico massimo comune denominatore (o forse minimo comune multiplo) che è quel “133” che vorrebbe omologarci e far si che tutti finissimo sotto l’egida dell’ignoranza e di conseguenza sottomissione perenne.
E sembrava una festa.
e pioveva pochissimo.
e volevo dire a Roberto che mi dice sempre che sono troppo incazzosa, che io lo so che non può piovere per sempre, e che in ogni caso oltre le nuvole spero che il cielo sia sempre più blu.

ps: volevo sottolineare che come facinorosi facevamo veramente pena.

era proprio nenessario?

ottobre 23, 2008

no, non mi riferisco a draghi quando afferma che vede segnali negativi per il futuro e si è accorto che calano i consumi per le famiglie…
no.
nemmeno a silvio, che manderà la polizia nelle scuole così questa sinistra e questi centri sociali la smetteranno di strumentalizzare l’auspicata ignoranza definitiva e totale! cribbio!
il fatto è che non riesco a capire se nella scuola per l’infanzia e primaria il grembiule testé reintrodotto sarà antiproiettile oppure si opterà per un’egida in delicati colori pastello…
e no,
non mi riferisco al disastro che si è abbattuto ieri nel cagliaritano, uno di quelli che ti fa mettere in dubbio l’inesistenza di un dio qualsiasi… anzi, a un certo punto ti fa sperare che ci sia… e arrivi anche a pensare che c’è, forse c’è, e che dobbiamo veramente avergli rotto i coglioni, ma poi non vedendo noè starnutire mentre sceglie chi salvare e chi no, pensi che è solo pioggia e tuoni e fulmini e saette e terrore…
no,
quello che mi chiedevo è se era proprio necessario che jovanotti facesse uscire un’altro disco (singolo, il disco è ormai datato) ancora più dilaniante del precedente? non gli bastava averci sfasato glicemia e altro per unestate intera? doveva priprio risvegliarmi anche il vizio mitralico?
… eccheccacchio….

Ho sopravalutato il nemico.

ottobre 18, 2008


Ha detto la gelmini che non capisce

La ministra dice alle agenzie di stampa che non capisce le ragioni della protesta.

Chiedo scusa.
ho di nuovo sopravalutato il nemico.
e diciamo pure che glielo si potrebbe spiegare facilmente come lo si spiegherebbe a un bimbo di sei anni, ma prima di farlo chiamo Indro e gli chiedo cosa include il reato di lesa maestà… non si sa mai… magari include qualche postilla che potrebbe rovinarmi il finesettimana…

ma ve la ricordate “in fila per tre” ?

http://www.edofansclub.org/content/view/103/40/

è del 1974, quindi non può averla scritta lei…

…volevo solo dire che oggi è stata una giornata parecchio movimentata su un sacco di fronti, per cui non ho avuto tempo per controllare le ultimissime del nostro benamato governo, e mi chiedevo se la mozione della lega lord (nella persona di roberto cota minuscolo) in materia di accesso degli studenti stranieri alla scuola dell’obbligo, nelle cosiddette classi “d’inserimento” per bambini extracomunitari comprende anche qualche emendamento per sardi e meridionali in genere.
si perché, anche se ormai credo di essere fuori tempo massimo per riprodurmi, non si può mai dire nella vita…
un altro dubbio… e i figli delle donne alte meno di un metro e sessanta (fai unoecinquantacinque) ?
vanno abbattuti alla nascita o possono venire utilizzati per la raccolta di prezzemolo, pomodori, fagiolini o altri vegetali di piante piccole? (…devo smetterla di suggerire leggi… e poi cosa voglio? ho detto di essere fuori tempo massimo? e allora?)
Va be’
la camera ha approvato, la mamma del cretino è sempre incinta
e voi passatevi una buonaserata.

Santa subito!

ottobre 9, 2008

questa-l'ha-fatta-giotto

questa-l'ha fatta Giotto.

Volevo dire a Lucia (www.coolpicts.org) che ci sono rimasta male anchio per il fatto che neppure quest’anno a Stoccolma si siano ricordati di lei, almeno quanto ci rimango male ogni volta che non mi danno il Pulitzer per la ceramica, ma pensavo che questa nostra tristezza potrebbe svanire se riuscissimo nell’intento:

Milena Gabanelli e tutti quelli di Report Santi Subito!

Del resto io ormai ho qualche conoscenza importante da quelle parti, ma se ciò non bastasse andrebbe bene anche un decreto regio, una bolla papale o visto che è di moda un decreto legge…
Dite che sto confondendo un po situazioni e ruoli e i “chi fa cosa per chi”?
Va be’… potrei farne una in ceramica, ma nel mentre fatemi sapere se v’avanza un’aureola…

Sto tornando.

ottobre 7, 2008

Poche ore.
Il treno parte da Marsiglia alle 6.23;
come è andata?
diciamo che non é stata l’esperienza migliore del decennio ma é andata.
Ci siamo stancate da morire, abbiamo riso di più e se dovessimo avere conferma da almeno un terzo dei contatti presi, potrei saltare anche le prossime ferie…
si, poteva capitarmi una settimana meno tragica a livello di borsa e i francesi sono messi peggio di noi a soldi, ma silvio e sarcozzi hanno detto di non preoccuparci…
Per il resto, Marsiglia ha un cielo azzurro simile al nostro (san maestrale…) ma qualche giorno fa dopo una lunga passeggiata ho visto che hanno il mare con la sabbia finta, e un finto David di Michelangelo che domina una finta spiaggia, un negozio di cibi senza glutine che si chiama Poetto, i caddozzoni per strada che fanno le pizze in un vero forno a legna e altre cose strane. Ma ripeto, hanno un Maestrale che a confronto il nostro è un principiante e delle stazioni radio che trasmettono sino a tardanotte della musica fantastica…
poi Nicolas (marito di Laura e non di carla) ha avuto con me e Laura una pazienza che se riuscissimo a riprodurla diventeremo ricche con la prossima fiera…
Ora vado.
Devo ancora terminare i bagagli ed é il caso che dorma qualche ora.
Ps: vorrei sapere chi ha mischiato i tasti di questa tastiera…
Ora vado